Opere
    Biografia
    Critica
    Bibliografia
    Mostre
    News
    Gallery
    Contatti
La nuova collezione battezzata da Franco Arminio
Terra Invisibile pronta per l'esposizione
visita le opere della nuova collezione

Carlo Vicenti è già proiettato nel futuro.
Il suo è uno spirito irrequieto con spiccato ingegno e straordinaria forza di volontà. Caratteristiche che lo spingono a un continuo moto, a un’incessante sperimentazione che sta dando altri frutti.
Il suo nuovo progetto "Terra Invisibile" è stato completato. I primi risultati sono stati resi pubblici il 15 gennaio scorso durante un incontro con lo scrittore Franco Arminio.
E’ stato proprio il poeta, scrittore e regista campano, che si autodefinisce “paesologo”, a suggerirgli il titolo della collezione e a regalargli le prime considerazioni nelle quali, con stupore e ammirazione, Vicenti ha trovato, perfettamente descritta, la vera essenza del suo nuovo progetto.
Arminio – che non è restato indifferente di fronte alle nuove tele – così ha scritto: “Sono stato a Noci a presentare il mio ultimo libro. Nella bella sala avevano sistemato quattro lavori di Carlo Vincenti, un pittore locale che di mestiere fa il vigile urbano.
I lavori mi hanno colpito per la loro pulizia. Gli ho dato un primo sguardo e poi sono tornato altre volte a guardarli, come accade a una festa quando ci presentano una donna che ci colpisce.
C'era in quelle tele un bisogno di pulizia che però non aveva il movimento di chi vuole sterilizzare, cancellare. Forse Vincenti vuole usare più la gomma che la matita. Forse ha orrore di tutto il cemento che stiamo vomitando sui paesaggi. E allora nelle sue tele accade quello che per ora nella realtà non può accadere, abbiamo terre pulite, come dovevano essere prima che cominciasse il delirio della produzione e del consumo.
A fine serata ho dato ancora uno sguardo a quelle piccole tele. Ho pensato che devo spendere il resto della mia vita perché il mondo sia più sgombro, pulito, innocente. Ma perché questo accada forse dobbiamo cancellare noi stessi prima di ogni altra cosa”
.
Per Vicenti si tratta del coerente proseguimento del suo personale e originale percorso.
(GB)
Archivio News
Carlo Vicenti ©2006 UNITY.it